DANZA CLASSICA

DANZA CLASSICA

LE ORIGINI

La danza classica iniziò a svilupparsi durante il Medioevo. Veniva definita la “danza bassa“, poiché rispetto alle altre tipologie di ballo (più popolari), si componeva di passi più composti da eseguire lentamente, aspetto che permise alla danza di entrare nella vita aristocratica. Durante il Rinascimento, s’iniziarono a stabilire le prime regole per l’esecuzione dei vari passi. La prima vera e propria scuola di danza venne aperta nel Cinquecento a Milano da Pompeo Diobono che introdusse anche la danza in coppia. I balletti, iniziarono così a connotarsi come veri e propri spettacoli, favorendo così l’introduzione della figura del ballerino professionista. Tuttavia, nel 1581 venne realizzato in Francia il primo balletto sotto forma di spettacolo, nel senso moderno del termine: “Le ballet comique de la Reine” di Baldassarre Baltazarini da Belgioso.

La danza classica, è nata ufficialmente presso l’Académie Royale de danse, fondata dal Re Sole. Il coreografo Pierre Beauchamp si occupò di coniare le cinque posizioni base. In quel periodo la danza classica si arricchisce di tecniche e virtuosismi, anche grazie alla nascita dell’Accademia Imperiale Russa. Nell’epoca illuminista la danza viene ridotta al movimento, sottraendone le parole. Tuttavia, è a partire dall’Ottocento che si viene a definire l’abbigliamento che contraddistingue ancora oggi la pratica della danza classica: i tutù e le scarpette da punta, sulle quali lavora per la prima volta la ballerina italiana Amalia Brugnoli, nel 1823. Da questo momento in poi l’interesse per la danza classica aumenta sempre più: iniziano a proliferare coreografie, scuole di danza e compagnie di ballo.

Palinsesto

Visita la pagina Orario Corsi per vedere il programma completo

Danza Classica (Scuole Medie)

  • Classica (Mercoledì 18.30-20) Eleonora

Danza Classica (Scuole Elementari)

  • Classica (Venerdì 18.30-19.30) Eleonora

Vieni a conoscere la nostra Insegnante di danza classica: Eleonora Briatore